News

Gds: "Inter, perché hai ridotto il budget per l'attacco?"

Marotta e Ausilio erano pronti a versare nelle casse del Chelsea 35-40 milioni per Lukaku

L’Inter era pronta a riportare in Italia Romelu Lukaku a titolo definitivo. Beppe Marotta e Piero Ausilio stavano per versare nelle casse dei Blues 35/40 milioni di euro. Che fine ha fatto quel budget?

Inter, GdS: “Arnautovic e Sanchez non esaltano i tifosi”

La Gazzetta dello Sport si è interrogata sul budget dell’Inter che si è ridotto per rinforzare l’attacco:”Di sicuro l’attacco dell’Inter ha cambiato faccia: meno potente, più tecnico, con più dribbling nelle gambe. Poi però sarà il numero di gol, come al solito, a misurare il tutto. Dzeko e un terzo di Lukaku nell’ultimo anno ne hanno garantiti 23. Ed è evidente che ora molto del peso offensivo dell’Inter sia sulle spalle di Lautaro: lunga vita all’argentino, allora. Resta una domanda: perché la società nerazzurra, dopo aver stanziato 35-40 milioni per l’affare Lukaku, ha poi via via ridotto quel budget per rinforzare il reparto offensivo?

Su Morata ci si è fermati a 25. Niente da fare, la scelta è poi caduta su Arnautovic. La risposta dell’Inter è in un mercato che, per quella fascia di prezzo, non ha offerto molto. Balogun, prima inseguito e poi abbandonato, sta andando Monaco per 48 milioni di euro. Ecco perché Arnautovic, per un quarto di quanto stanziato per Lukaku, e l’idea di dirottare i soldi sull’acquisto di un difensore.

Il campo dovrà dire se l’orientamento sarà stato corretto. Né Arnautovic né Sanchez esaltano i tifosi, almeno d’estate. Forse perché non contemplano il sogno, azzerano quel margine di piacevole incertezza che regala un vero nuovo acquisto: in fondo, è quel che almeno garantisce Thuram. Nella speranza, di Inzaghi, che il francese migliori e vada oltre se stesso, ovvero quel record di 13 gol fissati nell’ultima Bundesliga. All’Inter ne servono il più possibile, per afferrare la seconda stella”.

LEGGI ANCHE Inter, un attacco che non sorprende

Simone Biancofiore

Classe '95 laureato in Scienze della Comunicazione all'Università di Bologna. Sono un giornalista pubblicista. Amo il calcio, la scrittura è la mia rivincita. Spesso credo nell'impossibile. Mi illudo? No, sogno.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio