News

Inter: arriva il Frosinone, la grande sorpresa di questa Serie A

In molti a quest'ora li davano già per retrocessi, invece i ciociari navigano in acque tranquille

Dopo aver archiviato il discorso qualificazione alla prossima fase di Champions League, l’Inter si prepara ad accogliere il Frosinone a San Siro per la dodicesima giornata di Serie A. I ciociari possono dirsi la vera grande sorpresa di questo campionato. Partiti da spacciati, anche grazie alla filosofia impartita dal nuovo tecnico, ad oggi si trovano all’11°posto con 15 punti…Mica male per una neopromossa! Di seguito, le caratteristiche principali e le possibili debolezze della prossima avversaria dei nerazzurri.

LEGGI ANCHE: Salisburgo-Inter 0-1, Lautaro trascina i suoi agli ottavi

Inter, il Frosinone di DiFra: aggressività e palleggio

Di Francesco lo ha detto dal primo giorno: “dobbiamo colmare il gap tecnico con le avversarie cercando di essere sempre aggressivi”. Infatti è proprio questo il principio cardine della sua formazione che, specie in fase di non possesso, cerca di riconquistare velocemente il pallone con un pressing intenso per poi andare a giocare.

Il sistema di gioco prediletto dal tecnico abruzzese è il 4-3-3 (con relative varianti dal 4-1-4-1 al 4-2-3-1), modulo che favorisce il fraseggio corto e la ripartenza in contropiede. I ciociari, infatti, sono molto abili a ribaltare il fronte attraverso fulminee ripartenze, che si alternano ad un gioco più ragionato e costituito perlopiù da triangolazioni veloci. Non manca poi un must del classe 1969: l’impostazione dal basso, che dev’essere sempre applicata a partire dal portiere, anche a costo di rischiare qualcosa.

Inter, dove colpire i prossimi avversari

Nonostante stiano emergendo numerosi giovani di prospettiva, è doveroso specificare che l’Inter goda di un organico nettamente superiore in tutti i reparti a livello individuale. Ed è proprio su questa certezza che la squadra di Inzaghi dovrà fare grande affidamento. Se gli avversari palleggiano, niente paura. A protezione di Sommer c’è una corazzata di dieci campioni, che di certo non avranno problemi a rompere la ragnatela di passaggi di Mazzitelli e compagni.

Anche in fase d’impostazione si registra qualche pallone perso di troppo, che i nerazzurri dovranno cercare di conquistare attuando un pressing aggressivo e ben organizzato fin dalle prime battute. I recuperi sulla trequarti potrebbero far fruttare diverse occasioni. Ultimo elemento degno di nota è la fisicità di cui godono i padroni di casa rispetto agli avversari, che sì sono veloci, ma piuttosto leggerini. L’imponente struttura fisica di alcuni elementi (vedi Bastoni o Thuram, tanto per citarne alcuni), potrebbe rivelarsi utile soprattutto sui calci piazzati.

Gli uomini di Inzaghi non hanno nulla da temere, fin qui si sono dimostrati squadra forte, solida e cinica in tutte le competizioni. Guai però a sottovalutare il Frosinone, squadra sbarazzina che gioca con la testa libera anche per via dell’ottima classifica.

Samuele Marcon

Classe 2000, giornalista pubblicista laureato in Relazioni Pubbliche e regolarmente iscritto all'ordine del FVG. Le mie più grandi passioni: il calcio e il giornalismo . La vita per me è una continua sfida a migliorarmi. Non esiste obiettivo che non puo essere raggiunto. Sogna, vivi ma soprattutto scrivi.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio