News

Inter, Inzaghi:"Torino ottima squadra, servirà una grande prestazione"

Il piacentino riabbraccia i nazionali e prepara un nuovo Tour de Force

Superata la sosta delle nazionali, l’Inter riprende a marciare con in testa un chiaro obiettivo. La prossima avversaria sarà l’ostico Torino di Ivan Juric, squadra aggressiva e assai imprevedibile. Di seguito, le parole di Simone Inzaghi alla vigilia del match.

Inter, Inzaghi nel pre-partita

Il tecnico, intercettato dai microfoni dell’emittente ufficiale, ha dichiarato: “Dopo la sosta, la preparazione delle partite non è mai semplice, perchè in molti sono tornati mercoledi e i sudamericani addirittura ieri. Sappiamo che andremo ad incontrare un’ottima squadra, con un allenatore che è lì per il terzo anno. Domani ci vorrà la migliore Inter”.

Gli avversari sono soliti spingere molto sulle corsie laterali: “Sicuramente le fasce saranno importanti, però entrambe abbiamo qualità sugli esterni e anche in mezzo al campo. Sarà una partita intensa che si svilupperà in tutte le zone del rettangolo verde”.

I nerazzurri vanno a segno con tanti uomini diversi, a riprova della grande forza del gruppo: “Assolutamente sì, stiamo segnando tanto e con giocatori diversi, ma stiamo cercando di allenarci al meglio, perchè vogliamo più gol anche dai difensori, dai quinti e soprattutto dagli attaccanti”.

La squadra ha anche una grande solidità difensiva: “Stiamo lavorando tanto sull’organizzazione difensiva. Sappiamo di star facendo bene, ma dobbiamo migliorare ancora. Nell’ultima partita abbiamo subito due gol evitabili. Tutti gli effettivi devono contribuire alla fase di non possesso”.

Lautaro Martinez, dopo aver ottenuto la fascia, sta continuando a crescere di settimana in settimana: “Lauti è un giocatore con una grandissima appartenenza. La fascia l’ha responsabilizzato ancora di più e poi ha la fortuna di avere dei compagni straordinari, che cercano di metterlo sempre nelle migliori condizioni”.

L’inizio di un nuovo ‘Tour de Force’: Sappiamo che ci aspettano numerose partite ravvicinate e difficili. I ragazzi sanno che avrò bisogno di tutti loro. Chiaramente dovremo avere un livello di concentrazione ed una voglia di fare molto alte”.

LEGGI ANCHE: Inter, Marotta: “Lautaro il più forte. Lukaku è il passato, deluso da Skriniar”

 

 

Samuele Marcon

Classe 2000, giornalista pubblicista laureato in Relazioni Pubbliche e regolarmente iscritto all'ordine del FVG. Le mie più grandi passioni: il calcio e il giornalismo . La vita per me è una continua sfida a migliorarmi. Non esiste obiettivo che non puo essere raggiunto. Sogna, vivi ma soprattutto scrivi.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio