News

SUPERCOPPA - Inter-Lazio 3-0: Inzaghi le azzecca tutte, Frattesi entra e segna

I nerazzurri dominano la gara dall'inizio alla fine

L’Inter domina la semifinale di Supercoppa, battendo la Lazio 3-0 e staccando il pass per la finale di lunedì contro il Napoli. Segnano Thuram, Calhanoglu su rigore e Frattesi entrando dalla panchina. Merito ad Inzaghi e a tutta la squadra per l’ottima prestazione offerta.

Inter-Lazio 3-0: le pagelle

SOMMER 6: stasera non deve sporcarsi molto i guanti. Si limita a giocare bene con i piedi e a mantenere la porta inviolata.

PAVARD 6,5: legge con largo anticipo le situazioni in fase difensiva e accompagna bene l’azione creando superiorità numerica. Interessante l’alternanza con Darmian sulla corsia di destra.

ACERBI 6,5: se Immobile non si vede è soprattutto merito suo, lo conosce come le sue tasche. Sempre pulito negli anticipi, ancor più bravo nell’impostazione dal basso.

BASTONI 7: si sgancia dalla difesa e – com’è nelle sue corde – piazza un cross insidiosissimo da cui nasce il gol del vantaggio nerazzurro. Inzaghi sa quanto è importante e lo fa rifiatare (dal 66′ DE VRIJ 6: si piazza al centro della linea e gestisce bene).

DARMIAN 6,5: stasera attacca la profondità come mai aveva fatto prima, sorprendendo spesso Marusic alle spalle. Oggi è davvero una spina nel fianco per i biancocelesti. Gli manca solo la gioia personale, sarebbe stata la ciliegina sulla torta.

BARELLA 7: penetra tra le linee del centrocampo biancoceleste con una facilità disarmante. La traversa gli nega uno straordinario gol al volo al termine di un’azione da cineteca. (dal 66′ FRATTESI 6,5: entra e incide, come sempre. Il definitivo 3-0 porta la sua firma).

CALHANOGLU 7,5: il piacentino lo fa giocare un po’ più basso del solito, per dare uno sbocco in più ai compagni su pressing avversario in prima impostazione. La strategia si rivela vincente. Sempre glaciale dal dischetto (dall’81’ ASLLANI 6: scende in campo con intraprendenza, impegnando Provedel con un tiro invitante da fuori area. Un tassello alla volta il ragazzo sta crescendo. Tutta palestra in vista di Firenze).

MKHITARYAN 6,5: alla pari di Barella, mette in difficoltà gli avversari facendosi trovare spesso tra le linee e puntando la trequarti avversaria palla al piede. Suo l’assist per il punto esclamativo di Frattesi.

DIMARCO 7,5: “sporca” (o meglio… pulisce!) di tacco il pallone dell’1-0 interista firmato Thuram. Al di là della volontarietà o meno di questa giocata, sulla sinistra è davvero imprendibile. Solo l’imprecisione sotto porta dei compagni gli brucia qualche aggiornamento numerico alla voce assist.

LAUTARO 6,5: una traversa, un rigore procurato e una prestazione da applausi. Stasera, nonostante la collaborazione dei compagni nel servirlo sotto porta, gli manca davvero solo il gol. Poco importa, magari arriverà quando conta davvero, com’è tipico dei veri leader (dal 73′ SANCHEZ 6: nonostante l’età non più primaverile, la qualità di piede è rimasta quella dei tempi migliori. Pregevole il tocco che porta alla rete del 3-0).

THURAM 7: ha il merito non banale di aprire i giochi, mettendo in discesa la partita dell’Inter. Pecca di altruismo nel servire Lautaro, ma è tutto a fin di bene. Quando parte palla al piede è davvero imprendibile (dal 73′ ARNAUTOVIC: S.v.).

All. INZAGHI 8: con una così grande prestazione a livello collettivo, stasera l’uomo partita non può che essere il direttore d’orchestra. I suoi accorgimenti tattici funzionano a meraviglia. Alza gli esterni per prendere alle spalle la retroguardia biancoceleste e abbassa Calhanoglu per agevolare l’impostazione dal basso. In campo si è vista una sola squadra dall’inizio alla fine. Condivisibile anche la scelta di far rifiatare gli uomini-chiave. Tutti conosciamo il rapporto del piacentino con le coppe. E dunque… in bocca al lupo!

LEGGI ANCHE: Inter, quasi fatta per il nuovo attaccante

LAZIO: Provedel 6, Lazzari 5,5 (dall’83’ Hysaj sv), Gila 6, Romagnoli 5,5, Marusic 5 (dal 66′ Pellegrini 5,5), Vecino 5, Rovella 5,5 (dal 52′ Cataldi 5), Guendouzi 5 (dal 52′ Luis Alberto 5), Felipe Anderson 6, Immobile 4,5, Pedro 5 (dal 66′ Isaksen 5,5). All. Sarri 5.

 

Samuele Marcon

Classe 2000, giornalista pubblicista laureato in Relazioni Pubbliche e regolarmente iscritto all'ordine del FVG. Le mie più grandi passioni: il calcio e il giornalismo . La vita per me è una continua sfida a migliorarmi. Non esiste obiettivo che non puo essere raggiunto. Sogna, vivi ma soprattutto scrivi.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio