News

Inter, Marotta: "C'è voglia di esplodere. Dimarco capitano? Ecco quando"

L'AD nerazzurro è intervenuto alla presentazione del libro di Gianfelice Facchetti

Beppe Marotta, amministratore delegato dell’Inter, ha preso parte alla presentazione del nuovo libro di Gianfelice Facchetti. Ecco che cosa ha detto ai microfoni di TMW: “Il capitano deve rappresentare l’azienda, trasmettere senso di appartenenza e inculcare cultura del lavoro. È facile per noi riconoscere un capitano”.

Sullo Scudetto: “C’è grande ottimismo dentro e voglia di esplodere e adrenalina forte: ma c’è il rispetto, manca ancora qualche punto. Cerchiamo di essere concentrati. Il Cagliari, ci dispiace ma si salva lo stesso, indipendentemente dal risultato di domenica”.

Il ricordo su Facchetti: “Giacinto l’ho ammirato da ragazzino, le prime figurine Panini erano sue, andavo a vedere gli allenamenti alla Pinetina. Poi l’ho conosciuto da dirigente, all’epoca ero alla Sampdoria e ho appressato il suo modo molto rispettoso di porsi nei confronti degli altri. Non parlava molto, ma esprimeva tutto quello che significava essere capitano”.

LEGGI ANCHE Intelligenza artificiale: la prossima Champions League nel 2024 

Lautaro Martinez un esempio di capitano: “È cosi, è molto maturato e siamo arrivati a dire che la fascia da capitano è sua, rappresenta i valori del ruolo. E ha un grandissimo senso di appartenenza: voi non vedete il pre gara, ma è il più teso e dietro questa tensione c’è il suo amore per l’Inter”.

Conclude: “Posso dire che di capitan futuro ce ne sono tanti. Lunedì a Udine su ventidue giocatori c’erano solo tre italiani, oggi il calcio è globale e gli italiani giocano molto meno di prima. È difficile, ma ce ne sono. Dimarco è veramente un ultras, è uno che impersonifica i valori dell’Inter, però anche per diventare capitano bisogna andare a scuola. Magari può farlo quando Lautaro va… in pensione”.

Simone Biancofiore

Classe '95 laureato in Scienze della Comunicazione all'Università di Bologna. Sono un giornalista pubblicista. Amo il calcio, la scrittura è la mia rivincita. Spesso credo nell'impossibile. Mi illudo? No, sogno.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio