News

Inter, Tinti annuncia il rinnovo di Inzaghi fino al 2025

Ingaggio da 5,5 milioni netti a stagione con possibilità di prolungamento

L’agente Tullio Tinti ha annunciato il prolungamento del rapporto tra l’Inter e Simone Inzaghi. Accordo fino a giugno 2025 a 5,5 milioni netti a stagione, con opzione di ulteriore rinnovo. Il piacentino si conferma tecnico ideale per imbastire progetti a lungo termine. La sua storia parla da sè: oltre un decennio alla guida della Lazio (tra Allievi, Primavera e Prima Squadra) con i risultati che tutti conosciamo. Ora si appresta ad iniziare la sua terza annata alla guida dei nerazzurri. Una longevità che non si vedeva dai tempi di Roberto Mancini (2004-2008).

Inter, l’obiettivo primario è uno solo

L’obiettivo dichiarato di quest’anno è lo scudetto. Nessuno vuole nascondersi, Inzaghi su tutti, che alla stagione d’esordio se l’è visto soffiare dal Diavolo a causa dello sciagurato episodio con Ionut Radu sfortunato protagonista. Una beffa atroce, che ha consentito il sorpasso agli uomini di Pioli, con conseguente trionfo finale.

Quello appena archiviato, invece, è stato un percorso assai più travagliato. Ben dodici sconfitte in campionato ed un terzo posto finale, a distanza siderale dalla capolista Napoli e addirittura dietro ai biancocelesti di Maurizio Sarri. Durante il percorso si era arrivati addirittura a parlare di un possibile esonero del piacentino, che però si è riscattato (almeno parzialmente), compiendo il solito straordinario percorso nelle coppe nazionali e in campo europeo.

Inter, quello di Inzaghi è un rinnovo frutto del percorso

Il rinnovo, oltre che una palese dichiarazione d’intenti è anche un meritato premio per Inzaghi, che in due stagioni ha arricchito la bacheca dei nerazzurri di ben quattro trofei. Non va dimenticato poi, nonostante l’epilogo, lo straordinario percorso compiuto in Champions League, che non può essere macchiato da una sconfitta di misura contro il più quotato Manchester City di Pep Guardiola. L’ultima volta del club in finale fu nientemeno che l’anno del Triplete (2009-2010), con Josè Mourinho in panchina.

Beppe Marotta dà voce con i fatti ad una delle massime che l’hanno accompagnato nel corso di tutta la sua carriera da dirigente: mai cominciare una stagione con l’allenatore in scadenza. – Detto, fatto. Lo conferma anche l’agente Tinti, specificando che l’accordo era già stato trovato durante la tournèe in Giappone. Ora manca solo la firma ufficiale.

L’Inter ha compiuto il primo passo per arrivare all’obiettivo, blindando il suo timoniere, che ora non può più sbagliare. Deve vincere e basta.

LEGGI ANCHE: TALENT RADAR – Yann Sommer, il bonsai elvetico

Samuele Marcon

Classe 2000, giornalista pubblicista laureato in Relazioni Pubbliche e regolarmente iscritto all'ordine del FVG. Le mie più grandi passioni: il calcio e il giornalismo . La vita per me è una continua sfida a migliorarmi. Non esiste obiettivo che non puo essere raggiunto. Sogna, vivi ma soprattutto scrivi.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio