News

L'ANALISI - Inter, arriva il Torino di Juric: aggressività e verticalità

Stile di gioco e punti deboli della squadra granata, prossima avversaria dei nerazzurri

Lasciata alle spalle la sosta per le nazionali, l’Inter deve riprendere a marciare per recuperare i due punti di svantaggio che la separano dalla vetta, al momento occupata dai rivali rossoneri. Sabato 21 ottobre, alle ore 18.00 è sfida al Torino. I Granata sono una delle potenziali “ammazza grandi” del nostro campionato e da tempo cercano di alzare l’asticella per abbandonare la mediocrità del centro classifica. Di seguito, l’analisi e i punti deboli della squadra di Urbano Cairo.

Inter, come gioca il Torino di Juric

Indipendentemente dalla fase di gioco, l’idea calcistica di Ivan Juric si basa su principi di aggressività, imprevedibilità e verticalità. Il modulo di riferimento è il 3-4-2-1, che può assumere la variante del rifinitore unico dietro alle due punte (a livello numerico 3-4-1-2).

Il tecnico croato, a differenza di molti suoi colleghi, non predilige l’impostazione dal basso. Al contrario, cerca di sfruttare le qualità di piede di Vanja Milinkovic-Savic nei rinvii lunghi, spesso indirizzati direttamente verso il terminale offensivo per eludere il primo blocco avversario. Qualora quest’ultimo non dovesse arrivarci, scatta l’immediata pressione per vincere la seconda palla.

In fase offensiva la disposizione è molto fluida, con tutti gli effettivi che, in qualche modo, partecipano all’attacco. Un ruolo importante a tal proposito è svolto dai braccetti, che abbandonano la retroguardia per offrire maggiori soluzioni là davanti. Se la manovra viene indirizzata su un lato, l’esterno opposto rimane largo nel tentativo di isolarsi dalla marcatura avversaria e andare all’uno contro uno, qualora arrivasse la sfera. In linea generale la manovra è molto rapida, verticale e costituita perlopiù da triangolazioni. Un’altra arma importante è il traversone da un quinto all’altro in area di rigore avverrsaria.

In fase difensiva, lo schieramento si trasforma in un più prudente 5-4-1. I Granata effettuano un primo pressing orientato uomo su uomo, al fine di togliere tutte le linee di passaggio all’estremo difensore. Ogni elemento aggredisce in maniera ossessiva l’avversario, cercando di “sporcargli” qualunque giocata.

Inter, ecco come colpire i prossimi avversari

Una chiave per ottenere il massimo dal prossimo incontro sarà senza dubbio quella di vincere i duelli individuali. Le squadre di Juric, infatti, sono storicamente molto fallose e in situazioni di difficoltà ricorrono spesso alle maniere forti. Gli strappi in velocità di elementi come Dumfries, Mkhitaryan e Thuram – tanto per citarne alcuni – potrebbero portare a più di qualche provvedimento disciplinare, che non sempre viene gestito alla perfezione.

Come accennato appena sopra, il Toro aggredisce uomo su uomo, al fine di togliere ogni tempo di gioco agli avversari. L’uno contro uno accettato di consueto dal pacchetto dei centrali, li porta a concedere grandi spazi alle proprie spalle, una volta saltati. E le grandi capacità dell’Inter in ripartenza le conosciamo tutti.

A livello difensivo, invece, giocando molto in verticale, un’idea intelligente potrebbe essere quella di togliere la profondità alla manovra dei Granata, che spesso vanno in difficoltà quando non riescono ad innescare la punta o i due rifinitiori che agiscono alle sue spalle.

Da quando l’allievo di Gasperini siede sulla panchina del Torino, la squadra ha nel DNA un’indole aggressiva dapprima sconosciuta. Anche in questo caso però, i punti deboli non mancano. Starà ai nerazzurri saperli sfruttare a dovere.

LEGGI ANCHE: Inter, l’Ad Marotta: “Juventus favorita per lo scudetto”

 

Samuele Marcon

Classe 2000, giornalista pubblicista laureato in Relazioni Pubbliche e regolarmente iscritto all'ordine del FVG. Le mie più grandi passioni: il calcio e il giornalismo . La vita per me è una continua sfida a migliorarmi. Non esiste obiettivo che non puo essere raggiunto. Sogna, vivi ma soprattutto scrivi.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio