News

L'inter vince all'ultimo respiro contro il Salisburgo

Decisivo il gol di Sensi al novantesimo

In una gara dai tratti pirotecnici, l’Inter si aggiudica per 4-3 l’amichevole contro il Salisburgo. A rompere l’equilibrio con cui sembrava dovesse concludersi la disputa, il gol al Novantesimo firmato Stefano Sensi. Al di là del risultato, tanti spunti di riflessione per il tecnico Simone Inzaghi, fresco di rinnovo contrattuale.

LEGGI ANCHE: Inter, con Inzaghi la storia continua

Inter-Salisburgo: la sintesi del match

Il primo tempo si apre subito con una fiammata nerazzurra. Barella serve Mkhitaryan che conclude alto da buona posizione. I padroni di casa rispondono all’istante, procurandosi un penalty, calciato alto da Konate. Lo stesso attaccante, però, reagisce subito portando in vantaggio gli austriaci alla prima occasione utile. Tre minuti più tardi arriva il pareggio, grazie allo spunto di Dimarco che mette al centro, trovando la deviazione di Pavlovic. I nerazzurri aumentano i giri del motore e vanno in vantaggio: Barella mette in mezzo e De Vrij sfrutta una deviazione, segnando di sinistro da pochi metri. Konate al 34’ è abile a inserirsi in area e a realizzare di testa il 2-2. Il match è caratterizzato da continui capovolgimenti di fronte. A tre minuti dal 45° minuto Correa in tuffo riporta l’Inter avanti, sfruttando al meglio un traversone dalla sinistra di Dumfries.

La ripresa subisce un calo d’intensità dovuto all’intensissima pioggia che si abbatte sulla Red Bull Arena. Il Salisburgo pareggia immediatamente con Baidoo e al 64’ i padroni di casa si guadagna il secondo calcio di rigore di giornata. Ancora un errore dal dischetto, stavolta di Simic. Nel calcio sappiamo tutti come funziona: gol sbagliato, gol subito. E infatti, al minuto novanta, arriva il vantaggio degli ospiti: Asllani serve con un lancio preciso Sensi, che stoppa la sfera e da ottima posizione realizza il gol del definitivo 4-3.

Inter-Salisburgo: il tabellino

SALISBURGO (4-3-1-2): 1 Mantl; 70 Dedic (39 Morgalla 46′), 22 Solet (5 Okoh 46′), 31 Pavlovic (6 Baidoo 46′), 3 Terzic (55 Wallner 46′, 4 Piatkowski 58′); 18 Bidstrup (46 Jano 46′), 27 Gourna-Douath (44 Tijani 46′), 14 Kjaergaard (8 Kameri 46′); 30 Gloukh (50 Sadeqi 46′); 32 Forson (45 Nene 46′), 19 Konate (23 Simic 46′). A disposizione: 24 Schlager. Allenatore: Gerhard Struber

INTER (3-5-2): 1 Sommer; 36 Darmian (31 Bisseck 62′), 6 De Vrij (8 Gosens 69′), 95 Bastoni (19 Lazaro 86′); 2 Dumfries (17 Cuadrado 62′), 23 Barella (16 Frattesi 62′), 20 Calhanoglu (21 Asllani 69′), 22 Mkhitaryan (5 Sensi 69′), 32 Dimarco (44 Stabile 91′); 9 Thuram, 11 Correa (30 Esposito 82′). A disposizione: 12 Di Gennaro, 35 F. Stankovic, 50 A. Stankovic. Allenatore: Simone Inzaghi.

Marcatori: 6′ Konate (S), 9′ aut. Pavlovic (S), 24′ De Vrij (I), 34′ Konate (S), 42′ Correa (I), 46′ Baidoo (S), 90′ Sensi (I).

Si conclude dunque con una vittoria la penultima amichevole della pre-season. Domenica 13 agosto, alle ore 20.00, l’ultimo test prestagionale contro gli albanesi dell’Egnatia.

Samuele Marcon

Classe 2000, giornalista pubblicista laureato in Relazioni Pubbliche e regolarmente iscritto all'ordine del FVG. Le mie più grandi passioni: il calcio e il giornalismo . La vita per me è una continua sfida a migliorarmi. Non esiste obiettivo che non puo essere raggiunto. Sogna, vivi ma soprattutto scrivi.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio