News

PAGELLE - Monza-Inter 1-5: Lautaro e Calha al top, Darmian irruento

I nerazzurri si impongono sui brianzoli con una grande prestazione collettiva

Allo U-Power Stadium, una grande Inter travolge il Monza per 5-1. Per i nerazzurri, doppiette di CalhanogluMartinez. Nel finale c’è gioia anche per Thuram. L’unica rete dei brianzoli la firma Pessina su calcio di rigore.

Monza-Inter 1-5, le pagelle

SOMMER 6: risponde con sicurezza alle poche iniziative avversarie. Tira un sospiro di sollievo sul gol annullato a Pessina per fuorigioco. Tuttavia, nella ripresa deve rinunciare al clean sheet. Il capitano dei brianzoli lo spiazza dal dischetto con un’esecuzione magistrale.

PAVARD 7: sempre attento quando c’è da coprire, altrettanto pungente nello spingere in avanti. Suo il cross da cui nasce il rigore che sblocca la partita. Nel secondo tempo, Sorrentino gli nega la gioia personale con un mezzo miracolo (dall’81’BISSECK 6: prova ad imitare le mansioni del collega e lo fa anche bene, peccato per il poco tempo a disposizione).

DE VRIJ 6+: il ritmo partita gli mancava da un po’ ma non lo dà a vedere. Sempre puntuale nelle chiusure, dai suoi piedi parte l’azione che porta al raddoppio nerazzurro (dal 72′ACERBI 6: giusto il tempo di schermare un paio di iniziative avversarie. Il riposo era meritato e necessario, visti i numerosi impegni ravvicinati all’orizzonte).

DARMIAN 5,5: torna a giocare da quinto a tutta fascia, dando il solito contributo per attenzione e qualità negli scambi. Però è la seconda volta di fila (ndr. è successo anche con l’Hellas Verona) che regala un rigore agli avversari per eccessiva irruenza. Per fortuna, ad oggi è andata sempre bene, ma non è da lui.

BARELLA 6+: prestazione positiva di corsa, sostanza e sacrificio per la causa. Scambia bene con i compagni e si diverte correndo a tutto campo. Ha ritrovato costanza di rendimento. (Dal 61′FRATTESI 6,5: ennesimo ingresso impattante per l’ex Sassuolo, che regala a Lautaro il rigore per la doppietta personale. Complimenti per l’impegno).

CALHANOGLU 7,5: due gol segnati e totale controllo del gioco in cabina di regia. Peccato per l’ammonizione, si poteva evitare. Era diffidato, salterà la sfida con la Fiorentina (dal 61′ASLLANI 6: fa bene il suo subentrando al turco, un buon banco di prova in vista del prossimo appuntamento, in cui – con tutta probabilità – partirà titolare).

MKHITARYAN 6,5: oggi è davvero ovunque, prende parte all’azione del raddoppio nerazzurro e spalanca altre ripartenze in campo aperto. Ormai le primavere sulla carta d’identità sono 34…ma chi ci crede!

DIMARCO 7: i brianzoli fanno fatica a stargli dietro, crea costantemente opportunità pericolose infiltrandosi nell’area avversaria. Suo l’assist al bacio per il raddoppio firmato Lautaro. (Dal 72′ CARLOS AUGUSTO 6: i suoi ex tifosi lo accolgono bene, ma non così calorosamente come forse si aspettava. Gestisce a dovere la corsia nei minuti a disposizione).

THURAM 6,5: nel primo tempo è troppo impreciso quando va al tiro in porta, ma gestisce bene tutti i palloni favorendo gli inserimenti dei compagni. La giocata da fuoriclasse in occasione della gioia personale, cancella le imprecisioni precedenti.

LAUTARO 8 (Mvp): sempre più in fuga nella classifica cannonieri, procura un gol e un rigore in appena 14′. Mai domo, si getta con tutte le forze su ogni pallone fino all’ultimo secondo. Atteggiamento esemplare, da leader tecnico e capitano vero.

All. INZAGHI 7: la sua Inter oggi parte forte, regalandosi un doppio vantaggio in poco meno di un quarto d’ora. Una prestazione da “prima della classe”, in controllo assoluto dall’inizio alla fine. Viene solo da chiedersi perchè gente come Sanchez o Arnautovic – tanto per citarne alcuni – non trovi spazio in occasioni come questa, piuttosto che altre volte.

LEGGI ANCHE: Inter, l’ex D’Ambrosio: “Avrei voluto finire in nerazzurro, ma…”

MONZA: Sorrentino 6, D’Ambrosio 5 (dal 71′ Pablo Mari 5,5), Gagliardini 5, Caldirola 5,5, Pedro Pereira 6 (dal 57′ Birindelli 6), Pessina 6,5 (dall’80’ Akpa Akpro sv), Bondo 5 (dal 46′ Colombo 6), Ciurria 5 (dal 46′ Kiryakopoulos 6), Carboni 6, Colpani 6, Dany Mota 6,5. All. Palladino 4,5.

 

Samuele Marcon

Classe 2000, giornalista pubblicista laureato in Relazioni Pubbliche e regolarmente iscritto all'ordine del FVG. Le mie più grandi passioni: il calcio e il giornalismo . La vita per me è una continua sfida a migliorarmi. Non esiste obiettivo che non puo essere raggiunto. Sogna, vivi ma soprattutto scrivi.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio