RubricheTalent Radar

TALENT RADAR: Yann Sommer, il Bonsai elvetico

Inter e Bayern hanno trovato un accordo per il trasferimento del portiere svizzero. Carriera e caratteristiche nel nuovo numero uno in casa nerazzurra

Dopo le tante voci delle ultime settimane, il club nerazzurro ha trovato un accordo con il Bayern per il trasferimento a titolo definitivo dell’estremo difensore elvetico. Secondo quanto riportato da ‘Sky’, l’Inter verserà nelle casse del Bayern 6 milioni di euro per l’acquisizione del cartellino del nuovo numero uno, erede di André Onana. Contratto previsto fino a giugno 2025

Inter, la carriera di Sommer

Nato a Morges il 17/12/1988, è cresciuto nel FC Herrliberg, iniziando a fare sul serio all’inizio della stagione 2006/07, quando il Basilea, dopo averlo provato nell’Under 21, decide di promuoverlo in prima squadra assegnandogli il ruolo di terzo portiere. Avendo poco opportunità di scendere in campo, decide nel luglio del 2007 di spostarsi per andare a giocare con frequenza nel Vaduz.

Dopo l’importante continuità trovata,  l’idea di tornare a Basilea è stimolante per Yann, e così nel gennaio del 2009, si accorda di nuovo con la sua ex squadra. Successivamente è il Grasshopers alla ricerca del portierone elvetico,  accettando di trasferirsi in prestito per un anno. Con il club delle “cavallette” gioca titolare collezionando 33 presenze attraverso ottime prestazioni. Alla fine del campionato, il Basilea lo riporta a casa , e con i rossoblù giocherà fino al 2014, anno in cui si trasferisce in Germania al Borussia Monchengladbach.

Inter, da Onana a Sommer

Da André Onana a Yann Sommer. La porta dell’Inter cambia il suo protettore, passando dalle mani dell’estremo difensore camerunese a quello svizzero. Dopo molteplici giorni di stallo, i nerazzurri accolgono il nuovo portiere titolare.

Quello fra Onana e Sommer, resta comunque uno cambiamento importante, sebbene fra i due profili ci siano dei punti in comune. Sicuramente qualcosa cambierà, per la squadra di Simone Inzaghi, che ha realizzato una buonissima plusvalenza a livello economico. Resta da vedere soltanto come reagirà l’Inter in campo.

Sommer arriverà all’Inter con un bagaglio d’esperienza importante, dopo le nove stagioni giocate in Germania fra Borussia Mönchengladbach e Bayern Monaco. Anche Onana, al suo approdo a Milano, non era certo un novellino, ma i 34 anni e le quasi 400 partite fra Svizzera e Bundesliga certificano un bagaglio sportivo di grande rilevanza, che garantisce una certa continuità alla porta dell’Inter.

Inter, le caratteristiche di Sommer

Il portiere elvetico è alto 1.83 cm x 77 Kg. Normotipo-mesomorfo, presenta un struttura robusta ed una muscolatura globale tonica. Nonostante la stazza ridotta, il portiere compensa ottimamente da un punto di vista fisico-atletico. Ottimo di fatti in termini di esplosività , flessibilità e rapidità tra i pali nell’esecuzione dei gesti tecnici.

Destro naturale, utilizza senza problemi anche quello opposto. Presenta una tecnica di base difensiva di buon livello, nello specifico si evidenzia un importante bravura nelle parate in tuffo e nel 1 vs 1. Sufficiente invece in uscita alta, tendendo maggiormente a rimanere sulla linea di porta. Da un punto di vista offensivo, presenta un ottima trasmissione del pallone con le mani, mentre risulta discreta invece quella con i piedi, eseguita con efficacia e precisione ma non la sua caratteristica migliore.

Da un punto di vista tattico, in fase di possesso, è parte attiva nella squadra, tendendo a costruire con passaggi brevi, ma per necessità si presenta utile e preciso nei lanci lunghi. In fase di non possesso, Sommer è un portiere dalla buona presa di posizione, seguita sia da un ottima lettura delle situazioni (capacità di anticipazione) e sia da un ottima difesa della porta, riuscendo così a sopperire le difficoltà antropometriche rispetto alla media dei portieri top di club europei.

Presenta inoltre un’importante leadership, grande capacità di concentrazione ed un importante equilibrio mentale.

VALUTAZIONE ATTUALE: 7/10 – da un punto di vista globale, acquisto di grande caratura, soprattutto da un punto di vista caratteriale; carismatico-equilibrato-grande leadership

VALUTAZIONE IN PROSPETTIVA: 7/10 – in linea assoluta, non è sicuramente un ”rinforzo di prospettiva”, ma per le caratteristiche tecnico-tattiche è sicuramente la scelta più azzeccata

LEGGI ANCHE: Inter, adesso serve un vice Sommer: tutti i nomi

 

 

 

 

 

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio